Questa settimana ecco una ricetta per chi ama i sapori ricercati: il Tempeh!

Qui infatti si incontrano le specifiche note aromatiche del tempeh, un alimento che molti di voi già conoscono e di cui potete trovare eventualmente delle informazioni, sempre su questo blog, nella ricetta dello spiedino di tempeh e zucchine al link che segue:  http://www.naturopatia.org/spiedino-tempeh/.

La fermentazione con la quale il tempeh viene prodotto conferisce dunque alla soia gialla delle note aromatiche che ricordano i funghi e le noci ed un sapore leggermente amarognolo.
In questa ricetta il tempeh incontra il salato del sedano, il dolce della carota, l’acido della mela ed il piccante dello zenzero! 5 sapori! Da provare!

Ingredienti

  • 250 gr di tempeh
  • 300 gr di carote
  • 100 gr di sedano
  • 25 gr di zenzero fresco
  • 200 gr di mela granny smith (circa una mela)
  • qb di salsa di soia
  • qb di sale marino integrale fino
  • qb di olio extravergine di oliva
  • qb di prezzemolo tritato finemente per guarnire

Prepara un estratto (o un centrifugato) con la mela e lo zenzero e tienilo da parte.
Taglia il tempeh a losanghe e bagnalo con la salsa di soia. Lascialo a marinare per almeno 30 minuti.
Nel frattempo taglia le verdure a fettine diagonali di circa mezzo centimetro di spessore.

In una padella fai saltare le verdure con un filo di olio extra vergine di oliva e, dopo qualche minuto, salale e aggiungi anche il tempeh precedentemente marinato.
Lascia insaporire una decina di minuti e poi unisci l'estratto di mela e zenzero.
Attendi ancora qualche minuto e servi caldo spolverando con prezzemolo tritato.

Buon Appetito!

tEMPEH

Giacomo Pisanu
Giacomo Pisanu

BioChef e docente della Scuola di Cucina Naturale LUMEN dal 2006. Cucino quotidianamente per 60 persone, tra adulti e bambini, cercando il giusto equilibrio tra gusto e salute. Nel corso della mia esperienza in LUMEN, ho avuto modo di affinare le tecniche di cucina naturale al Campus Cascina Rosa (Fondazione IRCCS Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano), arrivando ad esserne docente. Inoltre, per la sede di Piacenza del Progetto Diana 5, condotto dal prof. Franco Berrino. (Studio di Prevenzione delle Recidive del Tumore al Seno attraverso l’Alimentazione e lo stile di vita) svolgevo l’attività di cuoco. Attualmente collaboro alla direzione di MENSALUS un progetto presso mense aziendali di offerta di un’alimentazione naturale e di alta qualità con l’intento di stimolare un migliore approccio alla salute. Il progetto è attualmente attivo a Borgo Egnazia, resort di lusso nel cuore della Puglia, immerso negli ulivi millenari della Valle d’Itria.

Leave a Reply

Your email address will not be published.