Il rafano è una pianta molto versatile e rigogliosa: può crescere in quasi tutti i tipi di terreno, si adatta a climi diversi e forma dei bellissimi cespugli con grandi foglie verdi. Se ne possono cuocere le foglie e utilizzarle per insalate, minestre o decotti, tuttavia la grande risorsa di questa pianta sta nelle radici, che vengono solitamente grattugiate e usate in infusione, oppure per insaporire pietanze diverse, o – soprattutto – per preparare la salsa al Rafano, detta anche Cren.

salsa di rafano cren ricetta

Il rafano ha un sapore pungente e forte, va quindi usato con cura… e sebbene la tradizione lo voglia accompagnato a piatti di carne, il suo sapore piccante e balsamico lo rende particolarmente adatto a insaporire piatti di verdure, sia cotte che crude.

Oltre a essere buonissimo, le numerose proprietà nutritive ne fanno un rimedio naturale dai mille usi: antibiotico, antibatterico, analgesico, antinfiammatorio, depurativo, antiossidante e digestivo.

Qua vi presentiamo un’idea di cren “personalizzata”. Le varianti sono tante e ci si può sbizzarrire, l’importante è dosare la giusta quantità di rafano perché non risulti troppo forte e sgradevole…

Attenzione! Per preparare il cren, la radice va sbucciata e grattugiata (o tritata), ed è proprio in questo momento che inizia a sprigionare i suoi intensi vapori, che possono essere improvvisamente irritanti per gli occhi e per il naso.

Ecco la nostra ricetta del Cren :

  • 200 gr di rafano grattugiato
  • 100 gr di pangrattato
  • 30 gr di aceto di mele
  • 30 gr di olio extra vergine di oliva
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 30 gr di latte di soia

Metti in un robot da cucina il rafano, il pangrattato, il latte di soia, il sale, l’aceto e frulla il tutto, poi aggiungi l’olio e frulla ancora fino a ottenere una consistenza cremosa e omogenea. Aggiusta di sale e se risulta troppo forte, stempera il rafano aggiungendo altro pangrattato e latte di soia.

Se fai il cren per la prima volta, preparati a piangere un pochino… e potrai accompagnare dei bastoncini di verdure crude (carota, finocchio, sedano, cetriolo, daikon, radicchio… a seconda della stagione) o delle verdure cotte, oppure spalmarla su tartine, gallette e cracker.

Soya Natural - Bevanda di Soia
Biologico – Senza zuccheri aggiunti
Voto medio su 208 recensioni: Da non perdere
€ 2,35


Leave a Reply

Your email address will not be published.